Al via il progetto dello University of Southern California Shoah Foundation Institute for Visual History and Education in collaborazione con il Laboratorio Lartte della Normale

E’ stato presentato a Roma, lunedì 26 settembre, presso l’Archivio Centrale dello Stato, il progetto in collaborazione con il Laboratorio Lartte della Scuola Normale per l’accesso on line alle interviste in lingua italiana realizzate tra il 1998 e il 1999 dallo University of Southern California Shoah Foundation Institute for Visual History and Education.

Lo USC Shoah Foundation Institute è stato fondato da Steven Spielberg a Los Angeles nel 1994 per raccogliere le interviste realizzate ai testimoni della tragedia della Shoah e attualmente conserva una delle più grandi biblioteche video-digitali al mondo. Si tratta di quasi 52.000 video-testimonianze in 32 lingue e provenienti da 56 paesi: testimonianze di sopravvissuti ebrei, omosessuali, Testimoni di Geova, zingari di etnìa Rom e Sinti, sopravvissuti alle politiche per il miglioramento della razza, liberatori e testimoni della liberazione, prigionieri politici, soccorritori e partecipanti ai processi per i crimini di guerra. Le interviste sono catalogate e indicizzate, e consultabili attraverso la ricerca tramite argomenti di interesse specifico.

Obiettivo dell’Istituto è quello di superare intolleranze, integralismi e pregiudizi attraverso l’uso delle testimonianze di storia visiva come strumento educativo; dal 2006 fa parte del Dana and David Dornsife College of Letters, Arts and Sciences alla University of Southern California.

L’Istituto si avvale di rapporti di collaborazione a livello mondiale per offrire al pubblico l’accesso all’archivio, incoraggiare borse di studio in diversi campi di ricerca e sviluppare materiali e programmi educativi basati sulla video-testimonianza; collabora, inoltre, con altre organizzazioni per documentare le storie di sopravvissuti e testimoni di altri genocidi.

L’Archivio Centrale dello Stato, che dal 2001 collabora con la USC Shoah Foundation Institute e dal 2004 conserva le 433 interviste in italiano, le rende ora accessibili anche on line grazie alla collaborazione della Direzione Generale per gli Archivi e del Laboratorio Lartte della Scuola Normale Superiore di Pisa.