Ricerca Scientifica Archivi

  • "Specialization problems in Diophanitine Geometry" vedrà intervenire esperti da tutto il mondo (tra cui alcune medaglie Fields e vincitori di premi Wolf) per una settimana di seminari e incontri aperti anche a giovani studiosi attraverso un form di iscrizione.

    Un workshop a Cetraro sulla geometria diofantea

    "Specialization problems in Diophanitine Geometry" vedrà intervenire esperti da tutto il mondo (tra cui alcune medaglie Fields e vincitori di premi Wolf) per una settimana di seminari e incontri aperti anche a giovani studiosi attraverso un form di iscrizione.

    Leggi il resto...

  • Prosegue il programma per implementare il progetto di valorizzazione del patrimonio archeologico del sito siciliano anche mediante lo sviluppo di nuove applicazioni ai contesti di indagine sperimentate e sviluppate dai Laboratori della Scuola SMART (Smart Multidisciplinary Approaches for Research and Tecnology) e SAET (Laboratorio di Storia Archeologia Epigrafia Tradizioni dell’antico).

    Rinnovata la convenzione per le ricerche all’Agorà di Segesta

    Prosegue il programma per implementare il progetto di valorizzazione del patrimonio archeologico del sito siciliano anche mediante lo sviluppo di nuove applicazioni ai contesti di indagine sperimentate e sviluppate dai Laboratori della Scuola SMART (Smart Multidisciplinary Approaches for Research and Tecnology) e SAET (Laboratorio di Storia Archeologia Epigrafia Tradizioni dell’antico).

    Leggi il resto...

  • La trasmissione Rai "Memex, I luoghi della Scienza", ha dedicato una puntata a Pisa e ai suoi centri di ricerca, soprattutto per quanto riguarda la robotica.  Il racconto ha riguardato anche centri di avanguardia per quanto riguarda la fisica nucleare, la zoologia e le nanoscienze, come il Laboratorio NEST della Scuola Normale.

    “Memex, I luoghi della Scienza” parla di Pisa e del Laboratorio Nest.

    La trasmissione Rai "Memex, I luoghi della Scienza", ha dedicato una puntata a Pisa e ai suoi centri di ricerca, soprattutto per quanto riguarda la robotica. Il racconto ha riguardato anche centri di avanguardia per quanto riguarda la fisica nucleare, la zoologia e le nanoscienze, come il Laboratorio NEST della Scuola Normale.

    Leggi il resto...

  • Maria Orofino e Simona Gallerani (rispettivamente allieva PhD e ricercatrice di astrofisica alla Scuola Normale) sono le coautrici di uno studio tutto al femminile sull’origine dei buchi neri nell’universo primordiale, pubblicato dalla rivista Monthly Notices of Royal Astronomical Society.

    La Nasa interessata a una ricerca di due studiose alla Scuola Normale

    Maria Orofino e Simona Gallerani (rispettivamente allieva PhD e ricercatrice di astrofisica alla Scuola Normale) sono le coautrici di uno studio tutto al femminile sull’origine dei buchi neri nell’universo primordiale, pubblicato dalla rivista Monthly Notices of Royal Astronomical Society.

    Leggi il resto...

  • Il Consiglio Direttivo della Divisione di Chimica Teorica e Computazionale ha annunciato i vincitori di quattro importanti premi assegnati annualmente e riguardanti questa branca della chimica. Tre dei 5 vincitori (un premio è stato assegnato ex equo) sono afferenti alla Scuola Normale Superiore.

    Assegnati tre premi a ricercatori e allievi di chimica computazionale della Normale

    Il Consiglio Direttivo della Divisione di Chimica Teorica e Computazionale ha annunciato i vincitori di quattro importanti premi assegnati annualmente e riguardanti questa branca della chimica. Tre dei 5 vincitori (un premio è stato assegnato ex equo) sono afferenti alla Scuola Normale Superiore.

    Leggi il resto...

  • Diagnostica precoce e dettagliata di un particolare tipo di tumore, il glioblastoma, la più aggressiva fra le neoplasie del sistema nervoso centrale. Questo l’obiettivo del progetto Gliomics che vede la Scuola Normale Superiore capofila di un partenariato che coinvolge anche Fondazione Istituto Italiano di Tecnologia e Istituto Nazionale di Ottica del CNR.

    Gliomics per la diagnosi precoce del glioblastoma

    Diagnostica precoce e dettagliata di un particolare tipo di tumore, il glioblastoma, la più aggressiva fra le neoplasie del sistema nervoso centrale. Questo l’obiettivo del progetto Gliomics che vede la Scuola Normale Superiore capofila di un partenariato che coinvolge anche Fondazione Istituto Italiano di Tecnologia e Istituto Nazionale di Ottica del CNR.

    Leggi il resto...

  • Il progetto Interstellar si aggiuda un ERC Advanced Grant. 2,2milioni di euro a una ricerca condotta da Andrea Ferrara, cosmologo della Scuola Normale, che sfrutterà super computer paralleli e dati provenienti dai telescopi più potenti. Il tutto per fa luce sui primordi della vita dell’universo.

    Erc Advanced Grant: premiata ricerca sull’origine del cosmo targata Normale

    Il progetto Interstellar si aggiuda un ERC Advanced Grant. 2,2milioni di euro a una ricerca condotta da Andrea Ferrara, cosmologo della Scuola Normale, che sfrutterà super computer paralleli e dati provenienti dai telescopi più potenti. Il tutto per fa luce sui primordi della vita dell’universo.

    Leggi il resto...

  • L'opera ha una scala di 1:100 e raffigura gli scavi fino al periodo del secondo dopoguerra. Una app consentirà di visualizzare ogni parte della gigantesca riproduzione in sughero, e Giulio Amara, perfezionando di Scienze dell'Antichità, è stato coinvolto nel progetto.

    Un allievo della Normale lavora alla Digitalizzazione in 3D del Plastico di Pompei

    L'opera ha una scala di 1:100 e raffigura gli scavi fino al periodo del secondo dopoguerra. Una app consentirà di visualizzare ogni parte della gigantesca riproduzione in sughero, e Giulio Amara, perfezionando di Scienze dell'Antichità, è stato coinvolto nel progetto.

    Leggi il resto...

  • La Scuola Normale risulta prima nelle Scienze matematiche ed informatiche (Area 1), prima nelle Scienze chimiche (Area 3) in cui non era mai figurata, prima nelle Scienze storiche, filosofiche e pedagogiche (Area 11A)

    Rapporto Anvur 2011-2014. La Normale prima in 3 aree disciplinari

    La Scuola Normale risulta prima nelle Scienze matematiche ed informatiche (Area 1), prima nelle Scienze chimiche (Area 3) in cui non era mai figurata, prima nelle Scienze storiche, filosofiche e pedagogiche (Area 11A)

    Leggi il resto...

  • Il ferro si accumula nel cervello durante l’invecchiamento e nel morbo di Alzheimer. Un gruppo di ricercatori delle Scuola Normale Superiore a Pisa e del Leibniz Institute on Aging di Jena ha scoperto che un piccolo RNA detto miR-29 inibisce la formazione questi depositi – fornendo una possibile strada per la terapia delle malattie neuro degenerative legate all’invecchiamento.

    Un micro-RNA come molecola anti invecchiamento per il cervello

    Il ferro si accumula nel cervello durante l’invecchiamento e nel morbo di Alzheimer. Un gruppo di ricercatori delle Scuola Normale Superiore a Pisa e del Leibniz Institute on Aging di Jena ha scoperto che un piccolo RNA detto miR-29 inibisce la formazione questi depositi – fornendo una possibile strada per la terapia delle malattie neuro degenerative legate all’invecchiamento.

    Leggi il resto...

  • E' questo l'obiettivo di PISA (Post-translational Intracellular Silencing Antibodies), una tecnologia messa a punto da un team di studenti e ricercatori guidati dal professor Antonino Cattaneo, presso il Laboratorio Bio@SNS della Scuola Normale Superiore. La tecnica è stata descritta in un articolo pubblicato su Nature Methods.

    Colpire e neutralizzare gli interruttori molecolari della “rete internet” intracellulare

    E' questo l'obiettivo di PISA (Post-translational Intracellular Silencing Antibodies), una tecnologia messa a punto da un team di studenti e ricercatori guidati dal professor Antonino Cattaneo, presso il Laboratorio Bio@SNS della Scuola Normale Superiore. La tecnica è stata descritta in un articolo pubblicato su Nature Methods.

    Leggi il resto...

  • Due immagini di sali cristallizzati elaborate da Valerio Voliani sono state selezionate dalla Carnegie Mellon University e inserite nel concorso Google Lunar Xprize.

    Sulla Luna la nano-arte di un normalista

    Due immagini di sali cristallizzati elaborate da Valerio Voliani sono state selezionate dalla Carnegie Mellon University e inserite nel concorso Google Lunar Xprize.

    Leggi il resto...

  • La Normale è l’unica Scuola di studi avanzati che incrementa il punteggio della Vqr, la Valutazione della qualità media della ricerca nei singoli atenei ad opera dell’Anvur. Nella graduatoria complessiva, la Normale si piazza sul podio degli atenei con il punteggio più alto, insieme a IMT di Lucca (prima) e Scuola Sant'Anna (seconda).

    VQR 2011-2014 della Scuola Normale: +20% rispetto alla precedente valutazione

    La Normale è l’unica Scuola di studi avanzati che incrementa il punteggio della Vqr, la Valutazione della qualità media della ricerca nei singoli atenei ad opera dell’Anvur. Nella graduatoria complessiva, la Normale si piazza sul podio degli atenei con il punteggio più alto, insieme a IMT di Lucca (prima) e Scuola Sant'Anna (seconda).

    Leggi il resto...

  • Prosegue la ‘scalata’ degli archivi sonori di Toscana: più di 2800 ore di registrazioni orali sono state salvate da degrado e oblio nel laboratorio di digitalizzazione della Scuola Normale, allestito nei locali del laboratorio di linguistica grazie a un finanziamento regionale

    Memorie di Toscana, il patrimonio recuperato delle voci del secondo Novecento

    Prosegue la ‘scalata’ degli archivi sonori di Toscana: più di 2800 ore di registrazioni orali sono state salvate da degrado e oblio nel laboratorio di digitalizzazione della Scuola Normale, allestito nei locali del laboratorio di linguistica grazie a un finanziamento regionale

    Leggi il resto...

  • Assegnisti di fisica, ha ricevuto il riconoscimento che l’American Physical Society dedica ai migliori referee per il servizio svolto come revisori dei lavori sottomessi alle loro riviste, come Physical Review Letters, Reviews of Modern Physics, Physical Review A/B/C.

    A Michele Campisi l’Outstanding APS Referee

    Assegnisti di fisica, ha ricevuto il riconoscimento che l’American Physical Society dedica ai migliori referee per il servizio svolto come revisori dei lavori sottomessi alle loro riviste, come Physical Review Letters, Reviews of Modern Physics, Physical Review A/B/C.

    Leggi il resto...

  • Il Laboratorio di Storia Archeologia Epigrafia Tradizione dell’Antico della Scuola Normale prosegue nell’indagine storico-archeologica di alcuni territori del Sud Italia. Con l’Istituto per i beni archeologici e monumentali (Ibam) del CNR è stato dato avvio a un progetto di ricerca multidisciplinare con lo scopo di approfondire la conoscenza di una delle poleis più importanti della Magna Grecia.

    Il Laboratorio Saet a Locri Epizefiri

    Il Laboratorio di Storia Archeologia Epigrafia Tradizione dell’Antico della Scuola Normale prosegue nell’indagine storico-archeologica di alcuni territori del Sud Italia. Con l’Istituto per i beni archeologici e monumentali (Ibam) del CNR è stato dato avvio a un progetto di ricerca multidisciplinare con lo scopo di approfondire la conoscenza di una delle poleis più importanti della Magna Grecia.

    Leggi il resto...

  • Da novembre a maggio, scienziati, archeologi, umanisti parleranno del mestiere di ricercatore. Appuntamento il secondo mercoledì di ogni mese alle 17.30 nella Sala Azzurra del Palazzo della Carovana. Prossimo incontro con Sabino Matarrese, dell'area Cosmologia, il 14 dicembre.

    Tornano le conferenze VIS. Gli scienziati italiani si raccontano alla Normale

    Da novembre a maggio, scienziati, archeologi, umanisti parleranno del mestiere di ricercatore. Appuntamento il secondo mercoledì di ogni mese alle 17.30 nella Sala Azzurra del Palazzo della Carovana. Prossimo incontro con Sabino Matarrese, dell'area Cosmologia, il 14 dicembre.

    Leggi il resto...

  • Un esperimento per esplorare le conseguenze dell’alba cosmica, al quale collabora la Scuola Normale, ha ricevuto un finanziamento di quasi 10 milioni di dollari dal National Science Foundation per ampliare la propria matrice di rivelatori in Sud Africa.

    Che cosa è successo dopo l’alba nell’universo?

    Un esperimento per esplorare le conseguenze dell’alba cosmica, al quale collabora la Scuola Normale, ha ricevuto un finanziamento di quasi 10 milioni di dollari dal National Science Foundation per ampliare la propria matrice di rivelatori in Sud Africa.

    Leggi il resto...

  • In a research just published in Nature Communications, Antonella De Pasquale, Davide Rossini, Rosario Fazio and Vittorio Giovannetti fill this gap. They propose a quantum-metrology approach to thermodynamics.

    Quantum Thermodynamics meets Quantum Estimation Theory

    In a research just published in Nature Communications, Antonella De Pasquale, Davide Rossini, Rosario Fazio and Vittorio Giovannetti fill this gap. They propose a quantum-metrology approach to thermodynamics.

    Leggi il resto...

  • Nelle misurazioni della termodinamica, è possibile stimare la temperatura di un sistema mediante misure locali. Lo stabilisce uno studio di Antonella De Pasquale, Davide Rossini, Rosario Fazio e Vittorio Giovannetti pubblicato su Nature Communications.

    Termodinamica: la misurazione di sistema si può realizzare attraverso misure locali

    Nelle misurazioni della termodinamica, è possibile stimare la temperatura di un sistema mediante misure locali. Lo stabilisce uno studio di Antonella De Pasquale, Davide Rossini, Rosario Fazio e Vittorio Giovannetti pubblicato su Nature Communications.

    Leggi il resto...

  • "We here at SNS are at the cutting-edge of being able to interpret data from HERA, clarifying what the observations tell us about the first galaxies,” says Andrei Mesinger, who sits on the HERA executive board and is co-financing the project with a European Research Council grant”.

    What happened after the lights came on in the universe?

    "We here at SNS are at the cutting-edge of being able to interpret data from HERA, clarifying what the observations tell us about the first galaxies,” says Andrei Mesinger, who sits on the HERA executive board and is co-financing the project with a European Research Council grant”.

    Leggi il resto...

  • Modern molecular sciences make extensive use of computational methods and theoretical simulations to model and predict the properties of a great variety of systems over a wide range of space and time scales. Coupled to the growing computational power available to researchers, the results of such theoretical calculations produce data sets of increasing size and complexity.

    Immersive Virtual Reality in Molecular Sciences

    Modern molecular sciences make extensive use of computational methods and theoretical simulations to model and predict the properties of a great variety of systems over a wide range of space and time scales. Coupled to the growing computational power available to researchers, the results of such theoretical calculations produce data sets of increasing size and complexity.

    Leggi il resto...

  • Firmata la convenzione tra i due istituti per un post graduate tra Pisa e il capoluogo abruzzese in "Metodi e Modelli per le Scienze Molecolari". È il primo passo per una collaborazione stabile tra i due istituti.

    Accordo tra Normale e Università dell’Aquila per una borsa di dottorato

    Firmata la convenzione tra i due istituti per un post graduate tra Pisa e il capoluogo abruzzese in "Metodi e Modelli per le Scienze Molecolari". È il primo passo per una collaborazione stabile tra i due istituti.

    Leggi il resto...

  • Grazie a un accordo di collaborazione scientifica pluriennale con la Soprintendenza Archeologia della Calabria e il Polo Museale della Calabria saranno avviate nuove ricerche e attività nel sito dell’antica città greca e nel suo territorio.

    Locri Epizefiri, a settembre le ricerche del Laboratorio Saet

    Grazie a un accordo di collaborazione scientifica pluriennale con la Soprintendenza Archeologia della Calabria e il Polo Museale della Calabria saranno avviate nuove ricerche e attività nel sito dell’antica città greca e nel suo territorio.

    Leggi il resto...

  • Heat engines are machines that take heat from a hot source, transform part of it in usable energy (work),and dump the rest to a cold source.

    How to marry high efficiency and power in heat engines

    Heat engines are machines that take heat from a hot source, transform part of it in usable energy (work),and dump the rest to a cold source.

    Leggi il resto...

  • Secondo uno studio di Michele Campisi e Rosario Fazio su Nature Communication è possibile avvicinarsi all’efficienza massima nei motori termici senza dover rinunciare alla potenza. Ciò accadrebbe quando il fluido di lavoro ospitato nel motore che scambia energia con le due fonti di calore è vicino ad una transizione di fase.

    Come coniugare alta efficienza e potenza nei motori termici

    Secondo uno studio di Michele Campisi e Rosario Fazio su Nature Communication è possibile avvicinarsi all’efficienza massima nei motori termici senza dover rinunciare alla potenza. Ciò accadrebbe quando il fluido di lavoro ospitato nel motore che scambia energia con le due fonti di calore è vicino ad una transizione di fase.

    Leggi il resto...

  • Un team di cosmologi della Normale e dell’Osservatorio di Roma ha scoperto due "buchi neri a collasso diretto", gli antenati dei buchi neri super-massicci primordiali.

Un team di cosmologi della Scuola Normale Superiore e dell’Osservatorio di Roma ha scoperto due buchi neri a collasso diretto, considerati gli “antenati” dei buchi neri super-massicci primordiali al centro di tutte le galassie, compresa la nostra.

Un team di ricercatori guidato da cosmologi della Scuola Normale Superiore ha scoperto due buchi neri a collasso diretto, considerati gli “antenati” dei buchi neri super-massicci che si trovano al centro di tutte le galassie, compresa la nostra.

    Osservati i progenitori dei buchi neri super-massicci

    Un team di cosmologi della Normale e dell’Osservatorio di Roma ha scoperto due "buchi neri a collasso diretto", gli antenati dei buchi neri super-massicci primordiali. Un team di cosmologi della Scuola Normale Superiore e dell’Osservatorio di Roma ha scoperto due buchi neri a collasso diretto, considerati gli “antenati” dei buchi neri super-massicci primordiali al centro di tutte le galassie, compresa la nostra. Un team di ricercatori guidato da cosmologi della Scuola Normale Superiore ha scoperto due buchi neri a collasso diretto, considerati gli “antenati” dei buchi neri super-massicci che si trovano al centro di tutte le galassie, compresa la nostra.

    Leggi il resto...

  • In un articolo pubblicato sulla rivista "Genome Biology", Luca Pandolfini (PhD in neuroscienze della Scuola Normale) e collaboratori hanno identificato un gruppo di piccoli RNA (microRNA) la cui funzione è proprio quella di bloccare la produzione delle proteine chiave del differenziamento cellulare.

    Le cellule staminali hanno la marcia innestata (ma con la frizione)

    In un articolo pubblicato sulla rivista "Genome Biology", Luca Pandolfini (PhD in neuroscienze della Scuola Normale) e collaboratori hanno identificato un gruppo di piccoli RNA (microRNA) la cui funzione è proprio quella di bloccare la produzione delle proteine chiave del differenziamento cellulare.

    Leggi il resto...

  • Scalable Democracy è il titolo del progetto che si svolgerà presso l'Istituto di Scienze Umane e Sociali della Scuola Normale, a cura di Marco Deseriis, nell'ambito delle borse Marie Curie.

    I software delle nuove forme di democrazia

    Scalable Democracy è il titolo del progetto che si svolgerà presso l'Istituto di Scienze Umane e Sociali della Scuola Normale, a cura di Marco Deseriis, nell'ambito delle borse Marie Curie.

    Leggi il resto...

  • Studiando il vertebrato dalla vita più breve -il pesce annuale africano Nothobranhcius furzeri- si è osservato che se i geni responsabili per la produzione di energia nella cellula sono meno attivi durante la prima parte della vita, gli animali tendono a vivere più a lungo. Studio su Cell System.

    Ridurre la respirazione cellulare favorisce la longevità?

    Studiando il vertebrato dalla vita più breve -il pesce annuale africano Nothobranhcius furzeri- si è osservato che se i geni responsabili per la produzione di energia nella cellula sono meno attivi durante la prima parte della vita, gli animali tendono a vivere più a lungo. Studio su Cell System.

    Leggi il resto...

  • Scoperto un nuovo comportamento degli elettroni: a temperature elevate diventano simili ad un fluido molto vischioso. La scoperta, pubblicata sulla rivista Science, apre la via ad applicazioni in molti campi, da nuove tecnologie per rilevare la presenza di esplosivi o di sostanze inquinanti, fino alle comunicazioni wireless e alle diagnosi mediche.

    Gli elettroni si comportano quasi come un fluido: nel team di ricerca anche la Normale

    Scoperto un nuovo comportamento degli elettroni: a temperature elevate diventano simili ad un fluido molto vischioso. La scoperta, pubblicata sulla rivista Science, apre la via ad applicazioni in molti campi, da nuove tecnologie per rilevare la presenza di esplosivi o di sostanze inquinanti, fino alle comunicazioni wireless e alle diagnosi mediche.

    Leggi il resto...

  • La sorprendente scoperta grazie a una ricerca sul Nothobranchius furzeri, un pesciolino del Mozambico. Lo studio pubblicato sulla rivista Cell è firmato da un team internazionale di ricercatori, co-diretto da Alessandro Cellerino della Scuola Normale.

    Mappato il genoma del vertebrato dalla vita più breve

    La sorprendente scoperta grazie a una ricerca sul Nothobranchius furzeri, un pesciolino del Mozambico. Lo studio pubblicato sulla rivista Cell è firmato da un team internazionale di ricercatori, co-diretto da Alessandro Cellerino della Scuola Normale.

    Leggi il resto...

  • A firma Nano-Cnr e Normale il primo foto-rivelatore di dimensioni nanometriche basato su multistrati di fosforene derivato dal fosforo nero. Il lavoro, in collaborazione tra gli altri con Università della Calabria e di Pisa, è pubblicato sulla rivista Advanced Materials.

    Il fosforene rivela le radiazioni a frequenza Terahertz

    A firma Nano-Cnr e Normale il primo foto-rivelatore di dimensioni nanometriche basato su multistrati di fosforene derivato dal fosforo nero. Il lavoro, in collaborazione tra gli altri con Università della Calabria e di Pisa, è pubblicato sulla rivista Advanced Materials.

    Leggi il resto...

  • How can we grow  parts of the brain in a Petri dish starting from Embryonic Stem (ES) cells? A group of students of the PhD program in neuroscience and researchers working in the BioSNS Laboratory of Biology of the Scuola Normale recently gave an important contribution to this issue.

    To reconstruct neural retina and hypothalamus in a Petri dish

    How can we grow parts of the brain in a Petri dish starting from Embryonic Stem (ES) cells? A group of students of the PhD program in neuroscience and researchers working in the BioSNS Laboratory of Biology of the Scuola Normale recently gave an important contribution to this issue.

    Leggi il resto...

  • E' possibile far crescere parti di cervello in una piastra di Petri, partendo da cellule Staminali Embrionali (ES)? Un gruppo di studenti di Perfezionamento in Neuroscienze e di ricercatori che lavorano nel Laboratorio di Biologia della Scuola Normale hanno recentemente dato un importante contributo a questo problema

    Identificati i segnali molecolari chiave per ricostruire retina neurale ed ipotalamo in una piastra di Petri

    E' possibile far crescere parti di cervello in una piastra di Petri, partendo da cellule Staminali Embrionali (ES)? Un gruppo di studenti di Perfezionamento in Neuroscienze e di ricercatori che lavorano nel Laboratorio di Biologia della Scuola Normale hanno recentemente dato un importante contributo a questo problema

    Leggi il resto...

  • La Scuola Normale Superiore partecipa all’edizione 2015 di Bright, che si svolgerà a Pisa e nelle altre città universitarie toscane la giornata di venerdì 25 settembre, una iniziativa promossa per celebrare la "Notte Europea dei Ricercatori".

    La Scuola Normale partecipa a Bright 2015

    La Scuola Normale Superiore partecipa all’edizione 2015 di Bright, che si svolgerà a Pisa e nelle altre città universitarie toscane la giornata di venerdì 25 settembre, una iniziativa promossa per celebrare la "Notte Europea dei Ricercatori".

    Leggi il resto...

  •  un articolo comparso sulla rivista “Nature Communications”, un gruppo di ricercatori della Scuola Normale Superiore composto da Simone Barbarino, Rosario Fazio, Leonardo Mazza, Davide Rossini e Luca Taddia (quest'ultimo anche associato al CNR-INO) ha fatto emergere la possibilità di studiare fasi della materia legate all'effetto Hall quantistico in gas di particelle quantistiche confinati in geometrie approssimativamente unidimensionali

    Nuove frontiere per i gas ultrafreddi di atomi alcalino-terrosi

    un articolo comparso sulla rivista “Nature Communications”, un gruppo di ricercatori della Scuola Normale Superiore composto da Simone Barbarino, Rosario Fazio, Leonardo Mazza, Davide Rossini e Luca Taddia (quest'ultimo anche associato al CNR-INO) ha fatto emergere la possibilità di studiare fasi della materia legate all'effetto Hall quantistico in gas di particelle quantistiche confinati in geometrie approssimativamente unidimensionali

    Leggi il resto...

  • Il Laboratorio NEST (National Enterprise for nanoScience and nanoTechnology) ha indetto anche per l’anno 2015 il Premio NEST, in collaborazione con la Ditta Rivoira SpA. Riservato a giovani ricercatori di età non superiore a 35 anni (alla data di scadenza del bando) assegnerà un riconoscimento di 5mila euro lordi: possono partecipare tutti coloro che abbiano pubblicato su una rivista scientifica internazionale tra il 1 gennaio 2014 e il 30 novembre 2015, come unici o primi autori, uno studio nell’ambito della Nanoscienza sperimentale. Possono concorrere ricercatori che non afferiscono al Laboratorio NEST, di qualunque nazionalità, a condizione che lo studio sia […]

    Il Premio NEST per la Nanoscienza ai migliori studi di giovani ricercatori

    Il Laboratorio NEST (National Enterprise for nanoScience and nanoTechnology) ha indetto anche per l’anno 2015 il Premio NEST, in collaborazione con la Ditta Rivoira SpA. Riservato a giovani ricercatori di età non superiore a 35 anni (alla data di scadenza del bando) assegnerà un riconoscimento di 5mila euro lordi: possono partecipare tutti coloro che abbiano pubblicato su una rivista scientifica internazionale tra il 1 gennaio 2014 e il 30 novembre 2015, come unici o primi autori, uno studio nell’ambito della Nanoscienza sperimentale. Possono concorrere ricercatori che non afferiscono al Laboratorio NEST, di qualunque nazionalità, a condizione che lo studio sia […]

    Leggi il resto...

  • he ALMA telescope has been used to detect the most distant clouds of star-forming gas yet found in normal galaxies in the early Universe.This is the first time that such galaxies are seen as more than just faint blobs.

    ALMA Watches Assembly of Galaxies Less Than a Billion Years after Big Bang

    he ALMA telescope has been used to detect the most distant clouds of star-forming gas yet found in normal galaxies in the early Universe.This is the first time that such galaxies are seen as more than just faint blobs.

    Leggi il resto...

  •  Un team di astronomi, tra cui Andrea Ferrara della Scuola Normale, ha studiato grazie ai dati di ALMA la tenue radiazione emessa dal carbonio ionizzato all’interno delle nubi di gas in cui avviene la formazione delle prime stelle. L'articolo sul Monthly Notices of the Royal Academical Society.

    La struttura delle galassie primordiali studiata grazie ad Alma

    Un team di astronomi, tra cui Andrea Ferrara della Scuola Normale, ha studiato grazie ai dati di ALMA la tenue radiazione emessa dal carbonio ionizzato all’interno delle nubi di gas in cui avviene la formazione delle prime stelle. L'articolo sul Monthly Notices of the Royal Academical Society.

    Leggi il resto...

  • Una raccolta dei testimoni più significativi relativi ai rapporti tra musica e filosofia nella Grecia antica, presentati attraverso il testo greco, una traduzione originale in italiano e un ampio commento. E’ l’obiettivo del progetto di ricerca “I filosofi e la musica” coordinato da Francesco Pelosi, ricercatore della Normale, vincitore di un finanziamento ministeriale nell’ambito del programma “Futuro in Ricerca 2013″.

    Alla Normale un progetto di ricerca per stabilire i rapporti tra musica e filosofia nell’antica Grecia

    Una raccolta dei testimoni più significativi relativi ai rapporti tra musica e filosofia nella Grecia antica, presentati attraverso il testo greco, una traduzione originale in italiano e un ampio commento. E’ l’obiettivo del progetto di ricerca “I filosofi e la musica” coordinato da Francesco Pelosi, ricercatore della Normale, vincitore di un finanziamento ministeriale nell’ambito del programma “Futuro in Ricerca 2013″.

    Leggi il resto...

  • Un team internazionale di scienziati guidato da Elena Pian (Scuola Normale-Inaf), presenta per la prima volta, in un articolo sulla rivista Nature, il legame tra un lampo di raggi gamma durata assai a lungo e l'esplosione di una supernova luminosissima. Dall'eccezionale evento si sarebbe prodotta una stella di neutroni "super magnetica" e in rapidissima rotazione.

    Il vagito del magnetar è un lunghissimo lampo gamma

    Un team internazionale di scienziati guidato da Elena Pian (Scuola Normale-Inaf), presenta per la prima volta, in un articolo sulla rivista Nature, il legame tra un lampo di raggi gamma durata assai a lungo e l'esplosione di una supernova luminosissima. Dall'eccezionale evento si sarebbe prodotta una stella di neutroni "super magnetica" e in rapidissima rotazione.

    Leggi il resto...

  • In a new paper accepted on “Chemical Comunication” journal Valerio Voliani and collaborators presented a highly reproducible, functional and biodegradable nanosystem composed of hollow silica nanoparticles.

    Biodegradable hollow silica nanospheres containing gold nanoparticle arrays

    In a new paper accepted on “Chemical Comunication” journal Valerio Voliani and collaborators presented a highly reproducible, functional and biodegradable nanosystem composed of hollow silica nanoparticles.

    Leggi il resto...

  • Thanks to a research carried out at the Laboratory of Biology BIO@SNS of the Scuola Normale Superiore in Pisa and at the Institute of Neuroscience of the National Research Council in Pisa, we can face this important question.

    How experience impacts on the brain DNA in the first period of life?

    Thanks to a research carried out at the Laboratory of Biology BIO@SNS of the Scuola Normale Superiore in Pisa and at the Institute of Neuroscience of the National Research Council in Pisa, we can face this important question.

    Leggi il resto...

  • La ricerca del Laboratorio di Biologia Bio@SNS della Scuola Normale Superiore e l'Istituto di Neuroscienze del CNR individua un meccanismo epigenetico (la metilazione del DNA) attraverso cui uno stimolo esterno lascia una traccia a livello del genoma delle cellule nervose durante durante le prime fasi dello sviluppo del cervello.

    Come incide l’esperienza sul Dna del cervello nel primo periodo dello sviluppo celebrale?

    La ricerca del Laboratorio di Biologia Bio@SNS della Scuola Normale Superiore e l'Istituto di Neuroscienze del CNR individua un meccanismo epigenetico (la metilazione del DNA) attraverso cui uno stimolo esterno lascia una traccia a livello del genoma delle cellule nervose durante durante le prime fasi dello sviluppo del cervello.

    Leggi il resto...

  • Anche quest’anno, dall’11 al 29 maggio, il Laboratorio di Scienze dell’Antichità della Scuola Normale tornerà a indagare l’agorà di Segesta e gli edifici adiacenti. Lo scavo, eseguito da un’équipe diretta dal prof. Carmine Ampolo con il coordinamento scientifico della prof. Maria Cecilia Parra, si concentrerà sui resti imponenti di un portico monumentale di epoca ellenistica che delimitava la piazza sui lati Ovest, Nord e Est.

    Segesta. Campagna di scavo 2015

    Anche quest’anno, dall’11 al 29 maggio, il Laboratorio di Scienze dell’Antichità della Scuola Normale tornerà a indagare l’agorà di Segesta e gli edifici adiacenti. Lo scavo, eseguito da un’équipe diretta dal prof. Carmine Ampolo con il coordinamento scientifico della prof. Maria Cecilia Parra, si concentrerà sui resti imponenti di un portico monumentale di epoca ellenistica che delimitava la piazza sui lati Ovest, Nord e Est.

    Leggi il resto...

  • Uno dei mattoni fondamentali dell'elettronica, il diodo, ha ora un equivalente termico. Un gruppo di ricercatori dell'Istituto nanoscienze del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Nano) e della Scuola Normale Superiore afferenti al Laboratorio NEST, ha realizzato un diodo termico, dispositivo in cui il calore fluisce in una direzione ma non in quella opposta.

    Laboratorio NEST, realizzato diodo termico

    Uno dei mattoni fondamentali dell'elettronica, il diodo, ha ora un equivalente termico. Un gruppo di ricercatori dell'Istituto nanoscienze del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Nano) e della Scuola Normale Superiore afferenti al Laboratorio NEST, ha realizzato un diodo termico, dispositivo in cui il calore fluisce in una direzione ma non in quella opposta.

    Leggi il resto...

  • SoBigData proposes to create the Social Mining & Big Data Ecosystem: a Research Infrastructure providing an integrated ecosystem for ethic-sensitive scientific discoveries and advanced applications of social data mining on the various dimensions of social life, as recorded by “big data”.

    Horizon 2020 has funded the SoBigData Research Infrastructure project

    SoBigData proposes to create the Social Mining & Big Data Ecosystem: a Research Infrastructure providing an integrated ecosystem for ethic-sensitive scientific discoveries and advanced applications of social data mining on the various dimensions of social life, as recorded by “big data”.

    Leggi il resto...

  •  Fabrizio Lillo, professore associato di "Metodi matematici dell'economia e delle scienze attuariali e finanziarie", è il referente della Scuola per il progetto, che si propone di creare una infrastruttura di ricerca in grado di raccogliere e rendere fruibile una enorme mole di dati di origine sociale nonché creare metodi di analisi dei Big Data.

    Horizon 2020. La Scuola Normale nel progetto SoBigData Research Infrastructure

    Fabrizio Lillo, professore associato di "Metodi matematici dell'economia e delle scienze attuariali e finanziarie", è il referente della Scuola per il progetto, che si propone di creare una infrastruttura di ricerca in grado di raccogliere e rendere fruibile una enorme mole di dati di origine sociale nonché creare metodi di analisi dei Big Data.

    Leggi il resto...

  • Luca Ciucci, del Laboratorio di Linguistica, ha rivelato che un predicatore ecuadoriano dell’ordine dei Gesuiti, Padre Hernando de Alcocer, nel XVII secolo aveva redatto una grammatica che è il più antico documento esistente di quichua, la lingua parlata da 2 milioni di persone nell'America latina.

    Un allievo della Scuola Normale scopre il più antico manoscritto della lingua quichua

    Luca Ciucci, del Laboratorio di Linguistica, ha rivelato che un predicatore ecuadoriano dell’ordine dei Gesuiti, Padre Hernando de Alcocer, nel XVII secolo aveva redatto una grammatica che è il più antico documento esistente di quichua, la lingua parlata da 2 milioni di persone nell'America latina.

    Leggi il resto...