L’origine dell’Universo grazie alle lenti cosmiche. Ne parla Piero Rosati

Domani 13 dicembre alle 17.30 nella Sala Azzurra del Palazzo della Carovana, sede della Scuola Normale a Pisa,  si parlerà di “lenti gravitazionali” con il cosmologo Piero Rosati, ordinario di Astronomia e Astrofisica dell’Università di Ferrara. La conferenza rientra nel ciclo di incontri “Vi racconto la scoperta che mi ha cambiato la vita” nell’ambito del progetto Vis.

Rosati ha lavorato alla Nasa e ha fatto parte del team che ha sviluppato la camera principale a bordo del telescopio spaziale Hubble. ​La sua ricerca in ambito astronomico utilizza la tecnica delle lenti gravitazionali. Grazie alla capacità delle grandi masse cosmiche di agire come lenti gravitazionali, in grado di piegare la luce in modo analogo alle ordinarie lenti d’ingrandimento, siamo infatti in grado di osservare amplificate le immagini delle galassie primordiali, ingrandite di 10 e anche di 100 volte da questi telescopi cosmici.

Combinati con i nostri dallo spazio e da Terra, le lenti cosmiche ci permettono di scoprire oggetti sempre più deboli, guardando indietro 13 miliardi di anni, alla ricerca delle prime stelle nell’Universo.

Pisa, 12 dicembre 2017