Mazzini e il Novecento

Giuseppe mazziniNormale, Scuola Superiore Sant’Anna e Domus Mazziniana ricordano il grande personaggio con una serie di iniziative dal 9 all’11 marzo.

Il convegno si propone di approfondire un tema lasciato relativamente in ombra nelle celebrazioni mazziniane per il bicentenario 2005, e cioè il rilievo e l’utilizzazione della figura e del mito di Mazzini durante il Novecento. Mazzini all’inizio del Novecento viene assunto con la benedizione monarchica nel pantheon patriottico, ma non è sempre e comunque figura condivisa: al contrario la memoria mazziniana è tanto più contesa quanto più si radicalizza la contrapposizione politica, sino all’utilizzazione politica della figura di Mazzini tanto da parte fascista che antifascista nel corso della “guerra civile” italiana. Paradossalmente, con il prevalere dell’ipotesi repubblicana, Mazzini, presente nelle piazze e nella toponomastica, scompare progressivamente dal dibattito politico italiano. L’ambizioso programma di fare un bilancio della presenza mazziniana nel Novecento deriva dal concorrere di tre istituzioni pisane: la Domus Mazziniana, dal 1952 luogo privilegiato di conservazione e di studio della memoria mazziniana, la Scuola di Studi Superiori Sant’Anna, orientata verso lo studio delle dinamiche di costruzione delle prospettive identitarie nell’Otto- e Novecento, e la Scuola Normale Superiore che, nella ricchissima tradizione di studi storiografici, ha ospitato anche alcuni degli sviluppi più importanti del mazzinianesimo novecentesco.

Il convegno si svolgerà presso le tre istituzioni ricordate nei giorni di giovedì 9, venerdì 10 e sabato 11 marzo 2006 e si articolerà in quattro mezze giornate dedicate alle relazioni (una o due mezze giornate presso la Domus e il Sant’Anna, una alla Normale) e ad un incontro di conclusione e dibattito (alla Normale).

Ecco il quadro dei relatori, che hanno dato la loro disponibilità:

MAURO MORETTI (Università per stranieri, Siena)

ROBERTO PERTICI (Università di Bergamo)

ROCCO CERRATO (Università di Urbino)

MARINA TESORO (Università di Pavia)

PIER GIORGIO ZUNINO (Università di Torino)

GIOVANNI BELARDELLI (Università di Perugia)

EMILIO GENTILE (Università La Sapienza di Roma)

GIOVANNI DE LUNA (Università di Torino) LUIGI GANAPINI (Università di Bologna)

ROBERTO BIGAZZI (Università di Siena)

ALBERTO CAVAGLION (Università di Milano)

MAURIZIO RIDOLFI (Università della Tuscia)

SERGIO PISTONE (Università di Torino)

CLAUDIA MANTOVANI (Università di Perugia)

GIUSEPPE GALASSO (Università di Napoli)

ROBERTO BALZANI (Università di Bologna)