Scuole universitarie federate: eccellenza nella ricerca per costruire il futuro

facciata1Un altro passo verso la federazione di Scuola Normale, Scuola Sant’Anna di Pisa e Scuola Universitaria Superiore Iuss Pavia. Le tre scuole universitarie presentano le proprie peculiarità e il progetto di una futura governance in comune – con attività e servizi integrati – alla ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli.

L’occasione sarà un incontro pubblico organizzato sabato 13 maggio a Pisa, presso il Palazzo della Carovana della Scuola Normale, in Piazza dei Cavalieri, a partire dalle 10.30. I rettori Vincenzo Barone (Normale), Pierdomenico Perata (Sant’Anna) e Michele Di Francesco (Iuss) stanno da mesi dialogando per trovare sinergie in grado di promuovere i tre atenei come un’unica realtà di eccellenza nel sistema universitario italiano: le tre istituzioni sono infatti le uniche in Italia in cui allievi selezionati per solo merito possano disporre di un percorso completo di studi universitari, con corsi di laurea e di dottorato; sono tutte e tre completamente gratuite per i rispettivi studenti, con benefit equiparabili alle università più prestigiose del sistema anglosassone; presentano ambiti didattici e linee di ricerca non sovrapponibili (Scuola Normale e Scuola Sant’Anna in Toscana) o con caratteristiche specifiche in altro contesto geografico (Iuss in Lombardia).

Si intravede anche la futura gestione federata delle tre scuole universitarie, che prevede un consiglio di amministrazione comune ai tre atenei con politiche di indirizzo concordate e mirate, come avviene già adesso per Sant’Anna e Iuss. Nel frattempo sono ormai completati i programmi dei primi corsi di orientamento organizzati da Normale, Sant’Anna e Iuss in maniera congiunta (saranno tre, a partire dal 26 giugno: uno a Pisa, uno a San Miniato, uno a Pavia).

Tutto questo verrà esposto al ministro Fedeli durante la giornata (che ha come titolo generale “Scuole Universitarie federate: eccellenza nella ricerca per costruire il futuro”). Oltre a quelli dei rettori, sono previsti anche gli interventi di Donatella Della Porta, Preside dell’Istituto di Scienze Umane e Sociali della Normale (“Lo sviluppo del polo formativo di eccellenza della Scuola Normale presso la sede di Firenze in collaborazione con la Scuola Superiore Sant’Anna”), Sabina Nuti, professoressa ordinaria Economia e Gestione delle imprese della Scuola Superiore Sant’Anna (“I nuovi progetti congiunti di mobilità sociale”), Andrea Ferrara, professore ordinario Astronomia e Astrofisica alla Scuola Normale (“Il progetto Erc InterStellar: le buone prassi nella ricerca internazionale al servizio della federazione”), Lucia Lencioni, socia fondatrice e AD di Wearable Robotics, Scuola Superiore Sant’Anna (“La spin off Wearable Robotics: le buone prassi del trasferimento tecnologico al servizio della federazione”), Ricardo Monteiro, ricercatore Tecnica delle Costruzioni, Iuss di Pavia (“Il progetto Iterate: le buone prassi nella ricerca internazionale per la prevenzione dei rischi al servizio della federazione”).

La ministra Valeria Fedeli tirerà le conclusioni degli interventi alla fine della mattinata con un richiamo alle prospettive di sviluppo che si annunciano con la federazione.