Una mostra di libri antichi delle raccolte Delio Cantimori e Eugenio Garin. Prorogata fino al 24 ottobre.

Prorogata fino al 24 ottobre presso la Biblioteca della Scuola Normale, nella sede del Palazzo del Capitano, la mostra di libri antichi delle raccolte di Delio Cantimori ed Eugenio Garin. L’iniziativa si inserisce nell’ambito delle manifestazioni di promozione del libro e dell’editoria che si svolgono nel mese di ottobre: il Pisa Book Festival e Il Mese del Libro, organizzati dalla Provincia di Pisa, e la campagna nazionale “Ottobre piovono libri: i luoghi della lettura”, organizzata dal Ministero per i Beni Culturali, giunta quest’anno alla terza edizione (arianna andrei).

di Arianna Andrei

La mostra, a carattere divulgativo, espone diversi esemplari di pregio, perché siano fruibili anche da un pubblico di non specialisti; articolata in nove sezioni tematiche delinea le caratteristiche di base del libro antico, mostrando le principali fasi di lavoro dell’officina tipografica, alcune marche tipografico-editoriali, e alcune edizioni in folio, con frontespizi e antiporte illustrati.

Due sezioni dedicate alle legature e ai segni di provenienza, ex libris e note di possesso, illustrano la preziosità di alcuni esemplari, e il passaggio di proprietà fra prestigiose biblioteche private, fra cui si evidenzia un esemplare proveniente dalla raccolta di Ulisse Aldrovandi.

Fra i profili tematici sono compresi alcuni libri di emblemi, di notevole valore iconografico, e due sezioni dedicate ad autori ritenuti eretici o da emendare e alla censura libraria fra Cinque e Seicento, fra cui si segnala un esemplare dell’Index librorum prohibitorum del 1596, più noto come Indice clementino.

La mostra termina con l’esposizione di alcune edizioni di pregio, fra cui si ricordano la prima traduzione italiana dell’Utopia di Tommaso Moro (1548), e il Fiore di virtù (1544), libriccino a carattere didattico, in cui si illustra un repertorio di vizi e virtù, associandoli a immagini di animali.

L’esposizione e il catalogo, che sarà pubblicato a breve dalle Edizioni della Normale, sono il frutto di un lavoro interdisciplinare fra il Settore Libri Antichi e Rari della Biblioteca (B.Allegranti, A.Andrei, R.Cingottini), alcuni allievi e perfezionandi della Scuola e una tirocinante in bibliologia dell’Università di Pisa (L.Biasiori, C.Girotto, A.Lorenzini, S.Miglietti), e si inseriscono nelle varie iniziative di valorizzazione del Fondo antico realizzate in questi anni, fra cui si ricorda il completamento della sua catalogazione, che ha contribuito ad incrementarne notevolmente la consultazione

Orario. Lunedì-Venerdì: 11-17 ; Sabato: 10-13

Ingresso libero