Un giorno da ricercatore alla Scuola Normale, 340 i candidati

Immagine NESTSono molti i giovani aspiranti a trascorrere Un giorno da ricercatore alla Scuola Normale, iniziativa del progetto VIS (Immersioni Virtuali nella Scienza). 340 studenti, dai 14 ai 19 anni, hanno preso carta e penna, o meglio tablet e pc/Mac, per scrivere, nella maniera più professionale possibile, un articolo su una recente scoperta scientifica che li aveva colpiti. Agli autori dei migliori testi sarà data la possibilità di vivere, per un giorno a Pisa, fianco a fianco a ricercatori “professionisti” degli ambiti di biofisica, biologia, chimica, cosmologia, fisica delle particelle e archeologia della Scuola Normale Superiore.

Il numero considerevole di articoli pervenuti da tutta Italia testimonia il grande interesse per questa opportunità. La qualità degli elaborati  è notevole. Una giuria composta, tra gli altri, da Andrea Ferrara, Gigi Rolandi, Gimmi Ratto, Simona Gallerani, Marcos Valdes, Fabio Pacucci, Giordano Mancini, Giuseppe Brancato e Dimitrios Skouteris (tutti docenti e ricercatori SNS) li sta visionando proprio in queste ore, dopo che nelle scorse settimane era stato diffuso il bando di concorso.

Il 6 maggio sarà stilata la lista dei venti migliori articoli, che saranno tutti pubblicati settimanalmente sul sito VIS della Scuola Normale. Tra questi venti avverrà una ulteriore scrematura, per arrivare ai cinque più convincenti. Agli autori di questi ultimi sarà data la possibilità di vivere “un giorno da ricercatore”, nella giornata di venerdì 29 maggio, in cui avverrà anche la premiazione da parte del direttore della Scuola Normale, Fabio Beltram, e del responsabile del progetto VIS, Andrea Ferrara.

Pisa, 24 aprile 2015