Orientamento della Normale. Contatto con il futuro

Orientamento universitario alla scuola normale500 tra i giovani più promettenti d’Italia partecipano ai 5 campus estivi organizzati dalla Scuola, a Colle di Val d’Elsa, Camigliatello Silano, Cortona, Rovereto, San Miniato.

Pisa, 27 giugno. Sono 500 e sono i migliori allievi delle scuole superiori d’Italia. La Normale di Pisa li ha selezionati, in base alle indicazioni dei presidi, e li mette in contatto con prestigiosi professionisti, studiosi, docenti, in modo da presentare loro la più vasta serie di profili di successo. Obiettivo: orientare gli studenti più promettenti ad una scelta di vita, universitaria o professionale, convinta e consapevole. Quest’anno i Campus di orientamento sono 5 e coprono tutto il territorio nazionale. Tre i tradizionali appuntamenti in Toscana: Colle di Val d’Elsa (dal 12 al 18 luglio) in collaborazione con il locale Comune ed il Liceo Alessandro Volta, Cortona (dal 28 agosto al 3 settembre) e San Miniato (dall’11 al 17 settembre) in collaborazione con il Conservatorio di Santa Chiara. Si rinnova anche quest’anno il corso di Rovereto (dal 2 all’8 settembre), possibile grazie al consolidato rapporto con l’Università di Trento e, per il primo anno in assoluto, il campus di Camigliatello Silano in Calabria (dal 18 al 24 luglio), una opportunità maturata grazie alla collaborazione con la Fondazione Napoli Novantanove, promossa da Maurizio e Mirella Barracco.

Statistiche, provenienza degli ammessi

Quasi 1.500 i nominativi inviati dagli oltre 600 istituti superiori italiani che hanno risposto alla sollecitazione della Normale. Tra questi una apposita commissione ha selezionato le 400 migliori candidature. Un altro centinaio di giovani è stato ammesso con onere di soggiorno in base ai dati curriculari direttamente spediti. La Regione con il più alto numero di ammessi è la Lombardia, con 44 studenti, seguita dal Lazio con 37, dalla Sicilia con 34, dalla Toscana con 33. Notevole anche il contributo in giovani talenti di Puglia, Veneto, Piemonte, Emilia Romagna. Grande uniformità per quanto riguarda gli istituti superiori di provenienza dei ragazzi. Quasi 200 partecipanti frequentano il liceo scientifico e linguistico, altri 200 il liceo classico, mentre un considerevole numero, circa 100, arriva da vari istituti tecnici. Presenti anche studenti di scuole europee, come il liceo scientifico “E. Fermi” di Madrid, il Lycée International di Saint Germain en Laye, la Scuola statale italiana di Atene, la Scuola Europea di Bruxelles.

Il Direttore, prof. Salvatore Settis



Dichiara Salvatore Settis, direttore della Scuola Normale Superiore: «I corsi di orientamento sono una delle iniziative consolidate nel programma di attività della Normale e non mancano mai di darci particolari soddisfazioni. Lavorare per i giovani più meritevoli, cercare di non disperdere le loro motivazioni, creare un clima propositivo e di scambio continuo tra generazioni, argomenti, esperienze sono obiettivi che di anno in anno si rinnovano e trovano spazio, nel 2005, in ben 5 appuntamenti su tutto il territorio nazionale. Un grande impegno, gestito internamente dalla Normale con partner di grandissimo livello, che vuole essere momento di stimolo e di riflessione anche sul futuro dei talenti del nostro Paese».

Le motivazioni e i tutor d’eccezione

Da vent’anni la Normale di Pisa crede in questa operazione progettata per avvicinare, il più presto possibile, le giovani promesse italiane al proprio futuro. A titolo completamente gratuito seleziona, organizza ed ospita gli studenti, ritenendo che valorizzare il loro talento, indipendentemente dal percorso di studi e di vita che intraprenderanno, sia il vero obiettivo da perseguire. Tra i tutor di eccezione che si alterneranno nelle settimane dei corsi, lo psichiatra Giovan Battista Cassano, l’endocrinologo Aldo Pinchera, il giornalista Gian Antonio Stella, il giudice di Corte costituzionale Giovanni Maria Flick, il Consigliere di Stato Alessandro Pajno, l’architetto Gae Aulenti, i grecisti Franco Montanari e Luciano Canfora, l’ing. Paolo Martinelli, direttore motori della gestione sportiva Ferrari, il prof. Maurizio Viroli, docente di teoria politica all’Università di Princeton, e molti altri tutor, tra cui giovani allievi della Normale di Pisa. Non solo dialoghi e lezioni, comunque. Come da tradizione i corsi estivi della Normale offrono ai ragazzi anche momenti di spettacolo, che da quest’anno godono della collaborazione organizzativa di Progetto Italia, la società di brand enrichment del gruppo Telecom Italia, che si è imposta con l’organizzazione di iniziative di primo livello sul territorio nazionale. Proprio a suggellare questa nuova collaborazione, Vittorio Sermonti, una delle “bandiere” di Progetto Italia, farà il suo esordio nei corsi di Cortona.

Info per l’orientamento orientamento.sns.it